Orologi di lusso e sostenibilità: un nuovo capitolo nell’orologeria

Febbraio 12, 2024By Bonetto Cinturini

Le modalità con cui le persone si approcciano all’orologeria di lusso cambiano nel corso del tempo. Da simbolo di uno status l’orologio luxury non si è mai affacciato ad un mercato che fosse accessibile e low cost rimanendo uno dei capisaldi del mercato dei preziosi. Si tratta di acquisti di qualità che permettono di consolidare al tempo stesso la storia e l’artigianalità. 

Inizialmente accessorio tipicamente maschile, l’orologio di lusso ha conquistato anche l’interesse delle donne spingendo le società produttrici a modificarne design e caratteristiche.
La produzione poi è stata influenzata anche dall’avvento del digitale, che ne ha modificato le qualità ricercate ma anche il modo d’acquisto. Se prima per conquistare clientela era necessario aprire una boutique in città che brulicavano di potenziali acquirenti interessati, oggi tutto si può e si deve acquistare sul web.
Ecco che anche il modo in cui ci si propone cambia e si evolve perché il giudizio insindacabile non arriva più solo dall’élite che può acquistare l’orologio, clientela affezionata al marchio che difficilmente cambia gusti. Sono i giovani infatti a trainare il mercato degli orologi di lusso più richiesti anche dai gioielli. Inizia a farsi sentire la necessità di porre attenzione alla sostenibilità, argomento sempre più sensibile e di primaria importanza che non può più essere trascurato.

 

Il marchio e l’avvento della sostenibilità

Il pubblico disposto ad acquistare un orologio di lusso non è più lo stesso anche nelle caratteristiche. Se in passato si ricercavano materiali di qualità e movimenti degli ingranaggi particolari, complicati e unici nel loro genere, oggi le richieste sono cambiate. Il marchio in primis assume maggiore rilevanza. Il mercato degli orologi di lusso smuove il mercato mondiale, affermandosi soprattutto in Asia con fatturati di oltre 330 miliardi di dollari che aumentano dell’8% ogni anno. Il punto di svolta non tocca solo il comparto economico e lo sviluppo, sul quale non ci sono dubbi. Piuttosto è il modo nuovo di porsi del cliente a modificare l’approccio al luxury. Ad oggi quello che si desidera è un marchio che rifletta la propria personalità, un brand che si possa sfoggiare con orgoglio poiché ci si identifica con lo stesso. Questo è uno dei principali motivi per cui l’aspetto della sostenibilità ecologica è sempre più di centrale importanza. Un singolo orologio può essere totalmente sostenibile, ma quando ad esserlo, o non esserlo, è l’intera produzione del brand, la percezione esterna si modifica completamente.

 

Sostenibilità del lusso: è possibile?

L’attenzione alla sostenibilità ormai non può più essere negata: nei beni di consumo quotidiano salta subito all’occhio, perché dalle piccole cose parte il cambiamento. Accostare il termine sostenibilità a quello di lusso, sembra invece un ossimoro, quasi impossibile!
Quando si acquista un orologio di lusso tra le prime domande che si pone ci sono quelle relative alla qualità artigianale, all’uso di materiali rari e preziosi, ingranaggi moderni e duraturi. Il tutto reso unico da un’esperienza unica in boutique dove si viene coccolati. A questo punto, gli acquirenti interessati all’aspetto della sostenibilità potrebbero essere scoraggiati, dato che l’acquisto fuori dall’ordinario di un orologio che si afferma per la sua originalità sembra a prima vista inconciliabile con l’ecologicità dei materiali. Del resto, l’industria luxury è l’ultima ad essersi approcciata alla sostenibilità e la prima a trarre vantaggio dalla crisi del fast fashion dovuta proprio alla maggiore attenzione alla qualità dei materiali. Attenzione che non è mai mancata e mai mancherà in prodotti che fanno della qualità e della durata nel tempo il loro punto di forza.

 

Come si approccia la sostenibilità con il lusso

Uno dei primi interventi sulla produzione che può ridurre gli sprechi è quello relativo all’estrazione ed uso delle materie prime e alle condizioni di lavoro. Ovviamente non si può produrre senza materie prime, ma si possono sostituire quelle più inquinanti con alternative ecologiche e allo stesso modo funzionali. Per non parlare delle infinite possibilità di riciclo delle materie prime utilizzate che possono non solo per migliorare il design e l’appetibilità del prodotto stesso, ma possono essere utilizzate per realizzare confezioni e dettagli alternativi.
Non sono poche le aziende produttrici di orologi di lusso che affiancano alla confezione tradizionale, un’alternativa ecologica e sostenibile prodotta con carta, pet da bottiglie riciclate o materiali green come bamboo, fibre di vetro, legno o anche cotone.
L’orologio di lusso più green mai prodotto contiene il 98,8% di materie prime riciclate e conta solo 30 esemplari unici al mondo. La tiratura estremamente limitata di questi articoli definiti concept watch è alla base della maggiore richiesta di articoli di lusso che schiacciano l’occhio alla sostenibilità. I nuovi materiali green aprono le porte alla produzione di nuovi orologi con design futuristici e ingranaggi del passato che combinano il vecchio e il nuovo senza rinunciare al lusso e allo stile.

 

L’aspetto etico della sostenibilità

La sostenibilità non si raggiunge solamente con l’attenzione all’uso delle materie prime e alla tutela ambientale. I risvolti etici sono altrettanto importanti e di rilievo, specie quando si parla di condizioni di lavoro e sfruttamento dei lavoratori. Le realtà minerarie di alcuni Paesi caldi sotto questo punto di vista sono entrate nell’occhio del ciclone, infatti alcuni tra i più grandi marchi del lusso hanno affermato di utilizzare materie prime di provenienza Fairmined. Si tratta di un sigillo che non garantisce solo promesse formali, ma azioni concrete volte al miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori. Senza perdere di vista i temi importanti dell’uomo e dell’ambiente, viene anche garantita una produzione priva di sostanze chimiche o potenzialmente tossiche che con l’avvento della sostenibilità non può essere più trascurato. I produttori di orologi di lusso vantano l’uso di manodopera qualificata e ben formata che può beneficiare dei salari più alti in Europa e non solo. Ingegneri ed esperti orologiai che mettono la loro firma su capolavori che nel corso del tempo possono anche triplicare il loro lavoro quale vera e propria fonte di investimento. La manifattura e la pregiata artigianalità dei singoli prodotti sono il fiore all’occhiello dell’industria luxury, specie nel mondo dell’orologeria che necessita di continui aggiustamenti per restare al passo coi tempi.

 

L’approccio indiretto alla sostenibilità

Coniugare il binomio lusso e sostenibilità implica anche riconoscere i limiti di questa produzione. Indirettamente però è possibile trarre vantaggio anche da questi ultimi attraverso azioni dirette a promuovere le iniziative di chi si dedica alla salvaguardia dell’ambiente. L’elenco delle industrie orologiere che si fanno ambasciatori e portavoce del green è lunghissimo. Basta leggere i vari report relativi alla sostenibilità per visionare quanto impegno nell’organizzazione di manifestazioni e investimenti in operazioni green ogni azienda propone nel breve e lungo periodo.

 

Il mercato dell’usato per gli orologi di lusso

Il marketing degli orologi di lusso meccanici ha compreso l’importanza del segnatempo come accessorio che esprime personalità, status symbol a cui nessuno vuole rinunciare. Gli orologi di lusso sono un prodotto che si tramanda da generazione in generazione, una sorta di passaggio del testimone che ha rinvigorito il mercato dell’usato. Vendere orologi usati è la chiave di volta per abbinare il lusso alla sostenibilità con un occhio di riguardo anche ai prezzi. Acquistare orologi che sono appartenuti a qualcun altro consente di avere al polso un pezzo di storia, ridurre lo spreco di materie prime e rendere il mercato luxury alla portata di tutti, più accessibile. Il mercato dell’usato ha consentito di implementare le vendite, perché per ogni orologio usato, ne viene acquistato uno nuovo e più moderno benché prodotto con materiali sostenibili.

 

Gli orologi di lusso: investimenti per il futuro

Un orologio di lusso è un capolavoro di maestria e design, frutto della più fina artigianalità. Non solo accessori per indicare l’ora, ma veri e propri pezzi d’arte dal valore inestimabile che trainano un mercato inarrestabile. Il mondo degli investimenti non poteva non allargare i propri orizzonti anche sull’orologeria di lusso, un modo stravagante, sicuro ma anche sostenibile per investire del denaro. L’unicità dei singoli pezzi, prodotti quasi esclusivamente in misura limitata ha attirato l’attenzione dei collezionisti, ben disposti a pagare cifre esagerate per possedere un orologio interamente realizzato a mano che anno per anno acquista sempre più valore. Si tratta di una sorta di micro-economia circolare, perché i singoli pezzi vengono scambiati nel tempo.

 

Su quali orologi investire?

Non tutti i cronografi sono uguali, pertanto per un investimento che frutta nel tempo bisogna prestare notevole attenzione ai dettagli. Le decisioni repentine sono solo per gli esperti del settore, un investimento oculato richiede ricerca e pazienza. Più è antico l’orologio più aumenta il suo valore, ma non sono da trascurare le condizioni. Gli orologi di lusso non devono essere trascurati: l’attenzione alla manutenzione e alle condizioni degli ingranaggi consente di avere un segnatempo con tutti i pezzi originali, quindi di maggior valore. Confezione originale e certificato di autenticità assicurano la provenienza lecita del prodotto e ne aumentano il prezzo di giorno in giorno. Infine, i modelli con maggiore personalità, indossati da figure autorevoli del passato, data la tiratura limitata di ognuno di essi, sono un investimento dal profitto elevato.